Cuba Libre

Oggi primo giorno di lavoro dopo 3 settimane di ferie, l’inferno è realtà insomma. Torno a casa, impasto il pane, doccia, devo piegare i panni asciutti e fare un’altra lavatrice, devo… STOOOP! Mi guardo intorno, apro il frigo, birretta, patatine, divano, pc e via a buttar giù un altro articolo che ultimamente sono stata un po’ assente, giustificata però!

Sono appena tornata dal Perù ma ho deciso di raccontarvi invece di dove ero oggi 2 anni fa perché dopo un viaggio al freddo ho ancora voglia di mare, di sole, di calore, quello di Cuba.

La bella e bistrattata Cuba, con la sua storia affascinante e le sue mille contraddizioni, con i sorrisi bianchissimi delle persone e quella musica che sembra avvolgere l’aria.

La casa particular di Sorayda dove ho dormito la prima notte all’Havana e le sue patatine fritte a colazione, untissime di olio ma tanto buone.

Le strade polverose dell’Havana, il Malecon pieno di giovani, birre e illuminato da un tramonto che ancora rivedo se chiudo gli occhi.

Havana (8)Vendita di libri per le strade de l’Havana

La coloniale Trinidad con le sue vie di ciottoli e la passeggiata a cavallo sotto la pioggia.

Il ponte tibetano sul Rio Miel, che mi è costato 5 anni di vita e un attacco di panico che se non fosse stato per Marzia e Luciano sarei ancora là, e poi la traversata abusiva in barca a remi guidati dalla luce della luna e le risatine soffocate per non essere scoperti.

Le piscine in mare aperto e le spiagge bianche, il bagno a mezzanotte a Ferragosto, le aragoste, i mojitos, le pina colada, le Pontiac anni ’50, i sigari, il rum.

Bahia de Imias (2)Bahia de Imias

Le file infinite per comprare qualsiasi cosa, per cambiare i soldi, la lentezza estenuante della gente ma soprattutto la diffusa incapacità di lavorare per produrre, per guadagnare, per fare meglio, perchè in fondo per loro è lo stesso. E nonostante questo aspetto mi abbia più volte infastidito mentre ero là, perchè trovavo inaccettabile recarmi in un negozio per acquistare una carta telefonica e dover aspettare che la commessa finisse di spinzettarsi le sopracciglia o dover aspettare 45 minuti per aver una pizzetta surgelata riscaladata, col senno di poi credo che questa inerzia sarà, almeno ancora per qualche anno, la salvezza di questo popolo e delle sue lente tradizioni.

Trinidad (28bis)

Questo articolo è dedicato a Fabio, che ha condiviso con me il viaggio a Cuba e che è stato tradito dalle sue amate montagne mentre ero in Perù. Buon viaggio compagno di viaggio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.